Contattaci al +39 329 3074740

Monitoraggio Ambientale Marino

Il problema dei sedimenti contaminati ha assunto una rilevanza crescente negli ultimi anni a seguito della identificazione dei siti di interesse nazionale da sottoporre ad interventi di risanamento (legge 9.12.1998, n. 426 e s.m.i.). La perimetrazione dei siti di interesse nazionale ha permesso di stimare quantitativi ingenti di sedimenti che necessitano di bonifica. E’ stato stimato, inoltre, che il 5% delle zone costiere e dei corpi idrici nei paesi industrializzati presentino sedimenti pericolosi per la salute umana e l’ambiente. La presenza di contaminanti nei sedimenti può produrre effetti dannosi per la salute umana e per l’ambiente; gli esseri umani possono essere esposti agli inquinanti contenuti in sedimenti contaminati per meccanismi di infiltrazioni in sorgenti idropotabili, accumulo nella catena alimentare e contatto diretto; gli organismi bentonici possono assorbire sostanze tossiche dall’ambiente circostante e influenzare la catena alimentare di forme di vita superiore. Per quanto attiene alla natura della contaminazione, ai sedimenti sono tipicamente asso- ciate una o più categorie di inquinanti, quali idrocarburi policiclici aromatici, pesticidi, idrocarburi clorurati, idrocarburi mono-aromatici, flatati, metalli pesanti, nutrienti, cianuri e composti organo-metallici. Nella maggior parte dei sistemi acquatici, la frazione di sedimenti sospesa e gli strati su- periori dei sedimenti depositati sono caratterizzati da concentrazioni di inquinanti superiori a quelle della colonna d’acqua sovrastante. Di conseguenza, i sedimenti costituiscono una fonte di cont- aminazione che può ritrasferirsi alla colonna d’acqua. Diverse unità di ricerca sono da tempo impegnate nel settore della bonifica dei siti contaminati ed hanno acquisito una valida competenza scientifica di base nel settore, hanno sviluppato rapporti di collaborazione scientifica sia a livello nazionale che internazionale ed hanno da tempo instaurato contatti e rapporti di collaborazione con gli enti territoriali di governo dell’ambiente. La ricerca prevede la preventiva caratterizzazione dei sedimenti contaminati di diversa origine (marini, fluviali e lagunari) dal punto di vista fisico, chimico e biologico, per procedere con le successive fasi di sperimentazione di nuove tecnologie di trattamento: ossidazione e riduzione chimica, lavaggio chimico-fisico (con agenti chelanti), elettrocinesi e fitorisanamento, come tecnologie a sé o integrate con pre o post trattamenti nel medesimo ambito.

SERVIZI:

  • Classificazione dei sedimenti – Accertamenti e studi sull’erosione costiera – Localiz- zazione di depositi sabbiosi sottomarini – Studio e verifica dei siti interessati dalla costruzione di infrastrutture marine in genere
  • Ricerche archeologiche – Ricognizione dei fondali per la scoperta di ordigni inesplosi Localizzazione di cavi, condotte sottomarine e altri oggetti sepolti sotto il fondale
  • Rilievi idrografici e batimetrici – Ricerche scientifiche, geologiche e fisiche – Rilievi morfologici, sismici e magnetometrici – Rilevamenti geologici delle aree marine


Layout 1video_ray

Allegato :  RILIEVI 3D SONAR